L’investimento etico [#02]

Investimento etico
e ecologia

Etico = ecologico?

NO, o meglio non solo. L’investimento che si ispira a princìpi etici (ESG) si propone di selezionare i propri investimenti secondo criteri di rispetto dell’ambiente e dei diritti di tutti coloro che hanno a che fare con l’azienda (lavoratori, fornitori, azionisti, creditori, ecc.). Esistono però numerosi strumenti di investimento in cui i criteri “etici” sono limitati alla sfera ambientale (E), o addirittura a singoli spicchi di tale sfera (come ad esempio l’acqua, o le energie rinnovabili) per soddisfare gli investitori particolarmente sensibili ai soli aspetti ambientali.

È vero che negli ultimi anni la preoccupazione per l’ambiente è diventata particolarmente diffusa: quello ambientale/ecologico (E) è, perciò, il più applicato fra i tre criteri ESG. È, del resto, anche il criterio meno controverso, dato che quelli relativi a responsabilità sociale e governance (S e G) esprimono la tutela degli interessi di alcune parti rispetto ad altre.

Etico… soprattutto ecologico?

Nella figura seguente sono rappresentati i principali criteri ESG adottati dalle istituzioni finanziarie negli Stati Uniti nel 2020: è evidente la prevalenza dei criteri ambientali («Climate Change/Carbon»).

PRINCIPALI CRITERI ESG ADOTTATI IN USA NEL 2020:

Anche l’Unione Europea con il suo Piano di azione per la finanza sostenibile ha concentrato l’attenzione sugli aspetti ecologici, promuovendo una serie di iniziative a supporto degli investimenti in strumenti finanziari che soddisfano criteri di sostenibilità ambientale.

Una ricerca di Deloitte del 2019 rileva anche per l’Italia la prevalenza del criterio ambientale tra i criteri ESG ritenuti significativi dagli investitori.

PRINCIPALI CRITERI ESG ADOTTATI IN ITALIA NEL 2020:

È però necessario ricordare che i criteri di sostenibilità ambientale rappresentano solo una parte, la più popolare ma non necessariamente la più rilevante, dei criteri etici applicabili all’investimento. Ci torneremo.

Quanto è diffuso
l’investimento etico?

L’investimento etico nel mondo

Il valore degli strumenti finanziari gestiti secondo criteri ESG è quasi raddoppiato negli ultimi quattro anni, raggiungendo circa 40 trilioni di dollari USA.

Da una ricerca di BNP Paribas si rileva che è in forte crescita nel mondo la diffusione, sia tra gli investitori sia tra i gestori, di strumenti finanziari con caratteristiche ESG.

(Fonte: BNP Paribas – The ESG Global Survey 2019)

  • Negli Stati Uniti un’analisi della US SIF Foundation stima che gli investimenti che con modalità e intensità diverse applicano in qualche forma i criteri ESG rappresentano 1/3 circa degli investimenti finanziari complessivi gestiti da intermediari. La crescita di questa componente è stata molto rapida: +42% tra il 2018 e il 2020.

CRESCITA DEGLI INVESTIMENTI ESG IN USA 1995-2020:

  • Per l’Europa uno studio di PwC Lussemburgo stimava al 15% la componente di strumenti finanziari ESG in Europa a fine 2019, con una proiezione di crescita fino al 40-50% per il 2026.

… e in Italia

  • A marzo 2020 il controvalore dei fondi comuni “etici” in Italia è stato stimato in circa 132 miliardi di Euro (fonte: Atlante.SRI di Etica News).
  • Tra il 2011 e il 2020 in Italia è aumentato da 147 a 562 il numero dei fondi di investimento con caratteristiche etiche.

CRESCITA DEI FONDI E DELLE CLASSI DI FONDI (CATEGORIE DI UNO STESSO FONDO) SRI IN ITALIA 2011-2020:

(Fonte: elaborazione EticaNews su database Atlante.SRI e piattaforma MoneyMate)

  • In un sondaggio del 2018 il 46% degli investitori istituzionali italiani (fondazioni bancarie, fondi pensione, compagnie di assicurazione, fondi comuni, ecc.) dichiarava di avere in portafoglio strumenti di investimento ESG.

Condividi questo articolo sui tuoi canali social

Lascia un Commento